I migliori browser per Windows [2021]

Viene usato a tutte le ore ed ogni giorno, ed è ormai il punto d’inizio di tutte le nostre giornate più indaffarate. Stiamo parlando dei browser, dei programmi che sono studiati per connetterci e farci navigare nella rete con il minimo sforzo possibile. Negli anni sono diventati sempre più dotati, tanto da offrire anche la capacità di farci girare dei programmi al suo interno, o di usare delle avanzatissime estensioni per fare in modo di sostituire anche servizi più popolari che richiedono in genere un client a parte.

Nel tempo, la guerra dei Browser s’è fatta sempre più intensa. Vediamo chi ne è uscito vincitore quest’anno, e perché.

Non può mancare questo nome in qualsiasi classifica. Chrome è un browser che però viene presentato al primo posto per un semplice motivo: la sua forza d’integrazione. Grazie ai servizi Google, può funzionare su PC, Smartphone ed altri dispositivi. Basta che ha Chrome, e tutti dati vengono sincronizzati senza bisogno di particolari impostazioni.

Quel che stavate guardando su PC, è possibile visualizzare anche su Smartphone. Stessa cosa si può dire di prodotti basati su Linux, al limite anche Raspberry. E’ ovunque, e funziona sempre allo stesso modo. E’ anche ricchissimo d’estensioni ed utilità, che possono essere sincronizzate con gli altri servizi Google se necessario. Peccato però per le sue richieste prestazionali: rimane sempre un browser affamatissimo di RAM, molto pesante e che provoca problemi su dispositivi vecchi o limitati.

Il più famoso concorrente di Google Chrome, Firefox è un decente browser che purtroppo ha subito qualche problematica negli ultimi anni per via del suo quasi sperimentale motore Quantum. Solo di recente è diventato veloce almeno quanto l’avversario Chrome, ma rimane comunque un software scelto da chi adora avere il potere della Privacy dalla sua parte. Infatti, Firefox può vantarsi non solo di non aver mai sfruttato i dati dell’utenza per proprio profitto, ma anche di offrire una protezione sui tracciamenti piuttosto completa e potente. Non c’è nemmeno bisogno d’implementare un estensione per le password e il blocco pubblicitario (e esistono comunque numerosi Plug-ins) visto che queste funzioni sono già inserite nel Browser. Ha anche una discreta (seppur non attivissima) sincronizzazione fra più dispositivi. Insomma, non velocissimo, ma sicuramente più adatto a chi si preoccupa per i propri dati.

Anche se non è molto popolare, Opera continua ad essere tecnicamente uno dei browser più interessanti per alcune delle funzioni che ha al suo interno. Ad esempio, la modalità Turbo, fatta appositamente per risparmiare quanta più banda possibile o per caricare le pagine in maniera davvero e sul serio rapida. Questa modalità infatti riduce la qualità del sito che stiamo visitando per fare in modo di ottenere una velocità d’apertura e navigazione assai superiore. Questa singola opzione, da sola, rende Opera molto indicata per gli utenti con connessioni deboli o che hanno una quantità di Giga molto limitata.

Proprio così, Edge è ora fra i migliori browser che potete installare nel vostro PC (o un dispositivo compatibile). Questo perché la Microsoft ha deciso da qualche tempo di cambiare il suo originale motore Trident con Chromium, ovvero la versione Open Source del motore di Chrome. Questo rende Edge non solo compatibile con molte delle funzioni (ed estensioni) di Chrome, ma condivide anche molte delle sue potenzialità.

Ovviamente, in tutto questo, c’è sempre il solito tocco della Microsoft. Edge è studiato per funzionare su ogni tipo di sistema, un po’ come è stato fatto con Windows 10 per ciò che riguarda i macchinari più deboli. Alcune delle funzioni più apprezzate danno la possibilità di scorrere le pagine in maniera liscia e morbida, così come anche l’adattamento in tempo reale delle prestazioni in base a come il PC (o lo Smartphone) è occupato in CPU e RAM. Offre anche delle buone implementazioni di sincronizzazione.