Come configurare qBittorrent per migliorare i download di torrent

Si tratta di una specifica tipologia di utilizzo che si estende sia in ambito domestico che in ambito più professionale. Se ci riferiamo ai client, stiamo parlando nello specifico di programmi come qBittorrent o uTorrent, tra molti altri, che ci offrono tutto ciò di cui abbiamo bisogno per questo. In effetti, ci sono molti programmi di questo tipo che agiscono come client P2P e che possiamo scaricare e utilizzare oggi.

Certo, alcuni sono più conosciuti di altri in tutto il mondo, ma allo stesso tempo sono applicazioni ampiamente estese per la maggior parte, come è il caso di cui parleremo in questo senso. Inoltre, vale la pena ricordare che parleremo in modo approfondito di tutto ciò che la proposta ci presenta. qBittorrent per configurarlo correttamente. Quindi, in seguito ti mostreremo come installare e configurare qBittorrent questa potente applicazione con cui lavorare torrent.

La prima cosa che dovremmo sapere è che come regola generale questo tipo di software di input è configurato in modo da poterlo mettere immediatamente in funzione. Quindi, una volta installato, dal primo momento possiamo iniziare a condividere i torrent. Ma d’altra parte è anche interessante sapere che nel caso in cui vogliamo che funzioni più velocemente e personalizzare, è preferibile apportare alcune regolazioni e modifiche.

Installa qBittorrent su Windows gratuitamente

In questo modo abbiamo la possibilità di regolare il massimo funzionamento del programma come tale e personalizzarlo in base alle nostre esigenze. Quindi, tutti coloro che lo desiderano, possono apportare alcune modifiche e configurare qBittorrent per adattare il programma. Come puoi immaginare, per tutto ciò il software stesso offre solitamente un buon numero di parametri personalizzabili, come avviene ora. Ma prima di tutto, la prima cosa che dobbiamo sapere è come scaricare e installare il programma in quanto tale.

E, come al solito in molti dei programmi che utilizziamo oggi sui nostri computer, dobbiamo prima scaricare il suo eseguibile. Anche in questo caso è consigliabile farlo dal tuo Web ufficiale. È vero che in molte occasioni puoi trovare programmi come il caso di qBittorrent, su siti web di terze parti. Con tutto e con questo è meglio avere lo stesso sito ufficiale. In questo modo ci assicuriamo di scaricare l’ultima versione del programma e che non porti con sé altri tipi di applicazioni incorporate. Nel caso di cui parliamo qui, scaricheremo qBittorrent da questo link.

Abbiamo una versione di 32 bit e un altro di 64, quindi scegliamo quello che si adatta all’architettura della nostra attrezzatura e del nostro sistema operativo. Da lì, una volta che abbiamo il file sul nostro disco rigido, lo eseguiamo come qualsiasi altro. Questo ci porta alla solita procedura guidata di installazione dove possiamo scegliere la lingua, oppure associare i soliti file torrent e magnete a qBittorrent.

Associa qBittorrent

Una volta completato il processo, possiamo avviarlo automaticamente per iniziare a lavorare con il programma.

Avvio e primi passi con qBittorrent

Coloro che hanno già lavorato con questo tipo di applicazione in passato saranno abituati alla sua interfaccia e al suo utilizzo. Ed è che, come al solito nei client torrent, questa proposta presenta un file interfaccia utente da cui gestiamo l’upload e il download di file di questo tipo. Inoltre, il suo pannello di controllo principale è stato progettato per facilitare il più possibile questi tipi di movimenti e azioni. Possiamo quindi dire che non è affatto complicato. QBittorrent e presenta invece una serie di funzioni con cui ottimizzarne e personalizzarne il funzionamento. In effetti, la configurazione di qBittorrent è ciò su cui ci concentreremo in seguito.

qBittorrent interfaccia

Come accennato, i suoi creatori si concentrano sul tentativo di facilitarne l’uso attraverso la sua interfaccia principale. In questo modo, per scaricare il nostro primo torrent, non ci resta che trascinarlo nel suo pannello centrale, ad esempio dal file Esplora file di Windows. In quel momento e grazie alla sua configurazione di default, vedremo che il download si avvia automaticamente. Allo stesso modo, per questo possiamo accedere all’opzione di menu File / Aggiungi file torrent o File / Aggiungi collegamento torrent.

Interfaccia principale di QBittorrent

Per cominciare, la prima cosa che troviamo quando apriamo il file Programma, è un pannello centrale che è dove si trovano i torrent che carichiamo. Allo stesso modo, in fondo al mimo vediamo un altro pannello che contiene tutte le informazioni che dobbiamo sapere sul file torrent che abbiamo contrassegnato in quel momento.

Pannello inferiore qBittorrent

A sinistra di tutto questo, vediamo un’altra sezione interessante che ci permette di accedere ai file caricati a seconda di loro condizione. Quindi, nel caso in cui lavorassimo con molti di loro contemporaneamente, saremo in grado di vedere cosa ci interessa davvero, più velocemente. Troviamo categorie come Download in corso, Seeding, Completed, Paused, Inactive, ecc.

QBittorrent pannello sinistro

Allo stesso tempo, se ciò di cui abbiamo bisogno in quel momento è interagire con uno qualsiasi dei torrent che stiamo condividendo qui, è molto facile. Per fare ciò, clicchiamo sopra con il tasto destro del mouse per vedere il suo menu contestuale. Sullo schermo troviamo quindi una serie di azioni che hanno a che fare solo con il file indicato. Da questo menu avremo la possibilità di mettere in pausa o eliminare il torrent, aggiungere categorie o tag, visualizzare in anteprima il suo contenuto o aprire la cartella di destinazione, tra le altre cose. Tutto questo ci permette di avere un maggiore controllo sul file con cui stiamo lavorando.

QBittorrent contestuale

Configura qBittorrent per migliorarne e personalizzarne il funzionamento

Come abbiamo accennato prima, come regola generale, la maggior parte dei file Client P2P input non necessita di alcuna configurazione per funzionare. Pertanto, ciò che si ottiene è che gli utenti con poca esperienza in questi lavori possono scaricare torrent senza dover toccare nient’altro. Al contrario, può darsi che ciò che vogliamo veramente sia fare un ulteriore passo avanti in questo senso. Con questo, quello che ti diciamo è di poter avere la possibilità di configurare qBittorrent personalizza come funziona. Bene, a questo punto, ti diremo che questo programma di cui stiamo parlando offre un buon numero di opzioni per tutto questo. Questo è esattamente ciò su cui ci concentreremo sulla stessa linea.

Coloro che vogliono portare avanti questo lavoro di configurare qBittorrent in profondità, la prima cosa che devi fare è dare un’occhiata alle opzioni di menu che troviamo in alto. Per configurare il programma andiamo su Strumenti / Opzioni.

Menu delle opzioni

Quindi in quel momento avremo accesso a una nuova finestra che è divisa in due parti, da un lato a sinistra vediamo le categorie disponibili. D’altra parte, mentre ci spostiamo, le opzioni che possiamo configurare in ogni caso appaiono sul lato destro dello schermo. Successivamente esamineremo ciascuno di essi per vedere come possiamo configurare qBittorrent nel migliore dei modi.

Comportamento

Comportamento QBittorrent

La prima delle categorie che troviamo qui è il cosiddetto comportamento. Qui vediamo una finestra che ci offre la possibilità di regolare parametri come la lingua dell’interfaccia, i colori delle liste di input, o il comportamento del doppio clic del mouse nei torrent. Allo stesso modo, un po ‘più in basso, avremo la possibilità di dire al programma di iniziare accanto a finestre, che si chiude al termine, ecc. Come suggerisce il nome, qui possiamo personalizzare il comportamento di qBittorrent a nostro piacimento.

Download

Download di QBittorrent

Questa è una delle sezioni più importanti durante la configurazione di qBittorrent. Non possiamo dimenticare che stiamo effettivamente lavorando e personalizzando un’applicazione di download, né più né meno. Quindi da questa finestra possiamo ottimizzarli, come vedremo. Avremo modo di specificare il file categorie del download, alloca automaticamente lo spazio, elimina il torrent al termine o specifica la posizione del disco predefinita.

Tutto ciò ci consentirà di avere il controllo assoluto su ciascuno dei download che carichiamo qui, cosa che sarà molto utile durante la configurazione di qBittorrent.

Connessione

Connessione QBittorrent

In quest’altra sezione quello che troviamo è la possibilità di indicare al programma i limiti di collegamenti che dovrebbe usare. Questo è qualcosa che specifichiamo sia per la sezione delle salite, che per quella delle discese. Avremo anche la possibilità di specificare la porta che useremo qui per i download che caricheremo nel programma in quanto tale. Tutto dipenderà dal ambientazione, se ce l’abbiamo, dal router che usiamo. D’altra parte, vale la pena ricordare che in questa stessa finestra possiamo configurare un proxy per questo tipo di connessioni.

Come puoi immaginare, questo è qualcosa che sarà molto utile se avremo una connessione un po ‘limitata. Allo stesso modo possiamo limitare queste connessioni se contemporaneamente stiamo utilizzando altri programmi che necessitano anch’essi di una certa larghezza di banda.

Velocità

Velocità di download

Come nel caso precedente, questa è una sezione a cui dobbiamo prestare particolare attenzione, poiché influisce direttamente sulla connessione globale del PC. Ve lo diciamo perché da esso avremo la possibilità di stabilirne certi Limiti di velocità per quanto riguarda il massimo e il minimo che qBittorrent potrà utilizzare. Questo è qualcosa che abbiamo la possibilità di configurare sia durante il caricamento che durante il download di contenuti.

Come accennato prima, in questo modo ciò che principalmente evitiamo è che il client P2P monopolizzi tutta la larghezza di banda. Così possiamo continuare a lavorare e navigare online con altri programmi senza problemi di connessione. Naturalmente, le definizioni che stabiliamo qui dipenderanno in larga misura dal connessione totale che abbiamo stipulato con il nostro provider Internet.

Bittorrent

BitTorrent torrent

Come molti di voi già sapranno in prima persona, questo è un programma che consente di lavorare con un gran numero di file contemporaneamente. Ciò significa che possiamo andare su e giù in modo diverso file torrent, tutto allo stesso tempo, il che non è sempre del tutto consigliato.

Pertanto, dalla finestra di configurazione in cui ci troviamo ora, BitTorrent, possiamo limitare questo. Nello specifico da questa sezione abbiamo la possibilità di impostare dei limiti per il numero massimo di salite e discese attivi. Certo, possiamo limitare sia verso l’alto che verso il basso, tutto dipenderà dal Connessione che noi abbiamo. Allo stesso modo, possiamo scartare in questa quantità, quelli che non superano una certa larghezza di banda spesa. Cioè, non contare i torrent che sono molto lenti.

RSS

Torrent RSS

Questa è una sezione che sostanzialmente ci consentirà di abilitare e configurare le ricerche in Feed RSS per individuare i file torrent. Possiamo anche specificare una serie di regole per il download automatico dei contenuti da qBittorrent.

Interfaccia web

Interfaccia Web QBittorrent

Una cosa che dobbiamo tenere a mente è che questo è un programma che ci permette di usarlo anche via web. Come puoi immaginare, questo ci consente di accedere e gestire i nostri download personali di qBittorrent da qualsiasi altro Pc. Per questo, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è avere un browser Internet e accedi a tutto questo tramite le nostre credenziali di accesso. Questo è esattamente ciò che dobbiamo configurare in questa stessa sezione. È qualcosa che di default è disattivato, quindi prima di tutto lo attiviamo.

Successivamente dovremo specificare parametri come il certificato e la chiave di accesso via web. Indichiamo inoltre all’applicazione il nome utente e la password che vogliamo utilizzare da remoto per accedere al file download attivi. Allo stesso tempo possiamo indicare alcune misure di sicurezza aggiuntive.

Lascia un commento